Migranti ” Demose da fa”

“Materia” complessa e contraddittoria sulla quale non possiamo essere distratti, o trascurare, o addirittura relegare/delegare nelle mani dei nemici degli immigrati o, meglio, dei carnefici”
by Riccardo Antonini

Continua senza sosta il nostro lavoro di informazione, un’ attività da non trascurare,  stamani al mercato insieme alla Compagna Nadia.
Alcune considerazioni
Inutile dire che la maggioranza sebbene non si ritiene razzista ci dice ” vanno aiutati a casa loro” “sono troppi dove li mettiamo” altra cosa per gli abitanti di Capriglia ” troppo isolato Capriglia, cosa ci fanno” ” ci guadagnano” ” la casa è fatiscente” ecco queste sono le differenze anche se il risultato non cambia, resta il fatto che la maggioranza degli Italiani è molto critica sul modello di accoglienza, altri a mio avviso più furbi ne fanno una questione di opportunità.
Quindi credo che la strada è continuare non solo a volantinare, ma fermarsi a spiegare le cose, in quanto molti, in particolare gli anziani non conoscono le modalità di accoglienza è fanno casino.
Poi esiste la parte piu’ incazzata, se vogliamo quella piu’ razzista, in particolare sono persone in difficoltà economiche gravi, che vedono i profughi come la causa di tutti i loro mali, ovviamente visto la situazione economica in cui versa il nostro paese questa linea diventa sempre più forte. Certamente non possiamo fermarci è un lavoro lungo che non può essere delegato, bisogna andare fra la gente, ed essere piu visibili, ci vuole un gazebo e dei manifesti e sopratutto tanta voglia di fare che a mio avviso dopo i primi momenti, molti come sempre succede sono spariti, compresi i partiti che dovrebbero essere i sostenitori di queste cause, altrimenti facciamo come il gioco dell’oca si torna alla partenza, nel frattempo la dx si avvicina al traguardo, quindi va bene la politica il candidato è l’assessore, ma poi? Tra non molto la campagna elettorale entrerà nel vivo, questi temi non possono non essere discussi, così come quelli della casa, del lavoro, scuola e solidarietà. A Pietrasanta va ripristinata la mensa sociale, la stessa che ci è stata sottratta per fare posto ad uno sgabuzzino di merda che non serve a niente, se non per accreditare una struttura oramai obsoleta vecchia è sporca con arredi che io stesso ho preso dalla spazzatura.
Oggi i comitati segnano un punto, la multa è stata tolta, mi riferisco agli striscioni di Valdicastello, questo vuole dire che la lotta e l’organizzazione pagano sempre.
DEMOSE DA FA

1 Trackback / Pingback

  1. Per qualche voto in piu – Cronisti per caso

Leave a Reply